Archivia per agosto, 2012

SIRDIC X IL PORTINAIO

Portinaio 1614

Se fossi un blog vorrei essere Sirdic! Sirdic abita in Giappone, lavora in Giappone ma rimane italiano al 100%! Siccome so Portinaio posso dirvi che si chiama come mio padre, abitava in un’isola e che non porta parrucchini! Sirdic so che resisterai alle molestie psicologiche dei nipponici, che non ti farai soggiogare dal loro stile di vita, che sputerai sulla via dei Samurai e magari farai anche la cacca sulla parrucca di una Geisha! Sirdic mi ha immaginato mentre mi trastullo davanti al porno di quella ciuccia vasi di Sara Tommasi, con Petunia che guarda incredula e un Bandito assente! Sempre con i capelli alla Mirko! BeeHive rulez Sirdic pure! Grazie! Ora però scrivi di più! Perchè se dici che non hai tempo allora stai proprio diventando giapponese! Il Portinaio

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE

Portinaio 2953

Non bastavano i gatti ora sono arrivati anche i cani! Bandito e Petunia sono apparsi all’improvviso nella settimana più calda dell’estate! Già mi vedo grondante di sudore durante le passeggiate “cacca e pupù”. “Ciao ragazzo che non va in ferie, mi tieni Bandito e Petunia che me ne vado al mare” “Veramente avrei da fare…” “Ti regalo 40 pacchetti di figurine dei cucciolotti” “Ok ci sto!”

NON DIRE GATTO

Portinaio 1508

Lady Disturbia, la più nota fra i protagonisti della Portineria, ha avuto una nuova ennesima evoluzione. Come il più prezioso dei Pokemon ha mutato il suo spirito, la sua condizione mentale e persino il lavoro. La mia amichetta è diventata massaggiatrice ayurvedica, designer di borse e gioielli e piromane 😛

LA NONNA MERCENARIA

Portinaio 1568

Se hai 90 anni e hai avuto dei figli, magari sei diventata nonna, se del sud forse anche bisnonna. Hai le rughe, una marea di rughe, tante cose da raccontare ai nipotini, le scarpe con il tacchetto comodo e lo scialletto anche con 40 gradi. Vai di rado dal parrucchiere, ma perchè “radi” sono i tuoi capelli.

DISASTERLAND

Portinaio 4145

Se per caso quest’estate decidiate di andare a Los Angeles, giusto per vedere se “California Bakery” è uguale a quello che c’è in Italia, vi consiglio di correre subito alla mostra di Josè Rodolfo Loaiza Ontiveros alla “La Luz de Jesus Gallery“ (mai nome più appropriato).