CHI CI SALVERA’ ?

Portinaio . In viaggio con il Portinaio, Italians do it better, L'oppio dei popoli, Melevisioni, Musica Maestro, Raccolta differenziata, Videocracy 1689 8 Commenti

Sarà l’atmosfera del BilBolBul o quella di Bologna oppure le esalazioni di sudore di quelli che si fanno autografare i fumetti in Sala Borsa.
Sta di fatto che in Piazza Maggiore c’e’ aria di cambiamento e la Rivoluzione nascerà qui, ne sono certo.
Primo incontro: Beppe Maniglia e la sua danzatrice Marsigliese.
Lui, simbolo dei borderline della città, si esibisce sempre con la sua Harley Davidson che sembra mangiata dai topi ragno.
Uomo di spettacolo dalle canzoni imbarazzanti…l’ho visto così tante volte e mai che abbia cantato o suonato dal vivo! Sempre in playback!
Basta assordarci con le tue casse rubate alla Festa dell’Unità. Suona ti prego! Fammi un pezzo a-cappella o con la chitarrina dell’oratorio.
Beppe in passato era celebre perché faceva esplodere – a torso nudo – le borse dell’acqua calda soffiandoci dentro e nessuno l’ha mai arrestato nonostante le rubasse all’ospizio di San Petronio.
Io – vestito – riesco a far tremare l’elastico della mutanda con un solo respiro e un piatto di zucchine in corpo!
L’artista di strada è stato anche in televisione, presentato a ‘Zodiaco’ da Paola Perego e Cecchetto nei primi anni 80. Dovrebbe ripescarlo Barbara D’Urso nel suo ‘Show dei Record’.

Ma è la sua ballerina che mi fa morire. Sembra uscita dalla ‘Corrida’ di Corrado.
Piena di Prozac, aizza le masse alla danza. Pare abbia 70 anni, di cui trenta, per me, passate insieme alla Gucci al carcere di San Vittore.

Bisognerebbe spegnere la Tv e girare per la città: sono questi i nuovi fenomeni altro che ‘Amici’ o ‘X Factor’.
“Gabry hai visto ‘Io Canto’? C’è quel ragazzino bravissimo…”
“Mamma sembra un Piragna!”
“Ma che dici?!? Non l’hai sentito cantare le canzoni di Whitney Houston?”
“Proprio una cantante appropriata: fuma crack e gira sempre con 15 grammi di marijuana!”

Io provo tenerezza per questi bambini.
Perché non li fanno andare allo ‘Zecchino’? E’ quello il posto per loro.
Che senso ha dare aspettative a questi poverelli che con la pubertà cambieranno voce e parleranno come Sbirulino o un camion a rimorchio?
Ridategli l’innocenza!
Dov’è Topo Gigio? Lo hanno grattugiato per condire i piatti di Bigazzi alla ‘Prova del Cuoco’?
Come si fa ad ospitare Renato Zero? Ormai è al limite del Transgender.
Nessuno ricorda che cantava l’amore bisessuale e si travestiva da Miss Copacabana?
Allora vale tutto! Gli autori nella prossima puntata faranno cantare a tutti ‘Antichrist Superstar’ di Marilyn Manson o ‘Fiky Fiky’ di Gianni Drudi.
Il loro percorso scolastico sarà riformato dalla Gelmini insieme a Drupi, Loredana Bertè e Spagna.
Le elementari saranno sostituite da ‘Io Canto’, le superiori da ‘Amici di Maria’, la loro casa popolare sarà quella del ‘Grande Fratello’ e la colonia estiva l’‘Isola dei Famosi’!

Bologna, che è senza sindaco, ha però qualcuno che da voce alla gente.
Secondo incontro: L’uomo con lo sgabellino.
Ferdinando Pozzati Piva è un’altra istituzione per la città. Ha importato e reinterpretato la tradizione londinese dello ‘Speakers’ Corner’: ogni sabato pomeriggio propone e anima il pubblico dibattito in Piazza Maggiore Tutti possono dire liberamente quello che pensano con l’unica regola di parlare stando in piedi sullo sgabellino per farsi sentire meglio dagli altri.
Li ho ascoltati.

Parlavano di politica, di elezioni regionali, di come la Democrazia stia morendo, di come la vera rivoluzione debba partire da noi stessi e non dai politici.
Siamo noi che dobbiamo governare, andare in piazza e, con il sorriso e le braccia unite, esprimere il dissenso “non violento”.
Basta con questi Squatter che imbrattano tutto, con i Black block che devastano qualsiasi cosa e con i Naziskin che pestano le minoranze.
Ma ce l’avete la bocca per parlare? O vi puzza talmente l’alito che sapete usare solo le mani?
Volevo salire sullo sgabello anch’io e dire:
“Al primo posto nella classifica dei dischi più venduti questa settimana c’è la compilation di ‘Io Canto’ di Gerry Scotti: forse dovremmo ricominciare a dire ai nostri bambini cosa è giusto e cosa è sbagliato e che non sono fenomeni da baracconi”.
Poi, visto il peso dell’argomento, mi sono limitato ad ascoltare e mi rattristava vedere bande di tamarri fregarsene di quello che succedeva.
La Politica è noiosa ed è roba da grandi e soprattutto non va in onda il sabato sera.
Il rischio è quello di implodere: a furia di essere bombardati da fregnacciate in televisione il livello culturale si abbasserà e qualcuno finirà per impazzire.
Arriverà prima o poi il giorno che tireranno i capelli alla Santanchè (che per altro le ha già prese), daranno testate alla Binetti e strapperanno i peli pubici a Rutelli.
La corda è tesa, chi ci salverà?

“Dio ti salverà!”
E ora chi è questa?
Terzo incontro: gli Adepti della Chiesa Evangelica e la Compagnia del Ciuffo Piastrato.
A capitanare il  gruppo Evangelico di Bologna, una messicana vestita da cow-girl pronta a saltare sul toro meccanico e ad urlare “Cavalca con Gesù verso il Paradiso”.
La sua missione era quella di convertire un gruppetto polisessuale di Emo, che bestemmiavano ed elogiavano in ordine casuale: i matrimoni misti e fra persone dello stesso sesso, le droghe leggere, il suicidio, l’alcol direttamente in vena, più ciuffi per tutti, lacca Cielo Alto gratis, piercing in zone erogene, lacrime artificiali e cd di Valerio Scanu da usare come base per la cocaina.

Questo più o meno quello che si dicevano:
Messicana evangelica: “Voi non sapete cosa vi dona il Creatore ogni giorno”
Emo emancipato emanante cattivo odore: “Dio non c’era quando sono andato in coma etilico”
“Trova lo Spirito Santo dentro di te e in Chiesa”
“Io voglio trovare il fumo buono”
“Cerca la purezza e la fede con la parola di Dio, tieni questo volantino”
“Brava così mi faccio i filtrini per le canne”
Ognuno teneva il proprio monologo ma nessuno dei due ascoltava l’altro.
Anche lì volevo intervenire e chiedere a loro “Sapete che al quarto posto della classifica dei dischi più venduti questa settimana in Italia c’è ‘Il Mondo di Patty – La vita è una festa’? E voi siete qui che parlate di aria fritta! Se Dio fosse in ascolto vi friggerebbe con un fulmine”
Ma ho fatto finta di niente e li ho lasciati continuare.
“La speranza della fede vi condurrà nel Regno dei Cieli”
“Suora laica, ma i tuoi volantini sono plastificati! Non posso farci i filtrini”
“Dio ci vede e ci ama perché non vuoi aprire il cuore alla fede?”
“Io apro solo le scatolette del tonno sorella!”

Finisce così la mia giornata.
Fra scontri e incontri, fumetti rovinati con dediche “a Gabriel-a”, il gruppo di Beppe Grillo che “silenziava” di fianco agli oppositori con lo sgabello, anziane ballerine non professioniste scartate da tutti i talent show, marocchini che vorrebbero trasformare H&M in moschee e ristoranti giapponesi che servono crocchette di patate al posto del sushi, nei ristoranti con i tapis roulant.

Ma voi lo sapevate che, al quinto posto della classifica dei dischi più venduti in Italia questa settimana c’è la Compilation di Amici?

Io voglio passare ad un livello successivo, voglio dare vita a ciò che scrivo, sono paranoico ed ossessivo fino all’abiura di me (Caparezza).

Il Portinaio

Trackback dal tuo sito.

Commenti (8)

  • ivan

    |

    qui il livello si alza di brutto…siamo alla critica sociale pura…vorrai mica candidarti alle regionali con una lista dell’ultimo minuto???

    Rispondi

  • Non mi chiamo Candy (Silvia)

    |

    “Le elementari saranno sostituite da ‘Io Canto’, le superiori da ‘Amici di Maria’, la loro casa popolare sarà quella del ‘Grande Fratello’ e la colonia estiva l’‘Isola dei Famosi’!”
    ahahahah

    Hai dimenticato che per trovare un partner andranno a uomini e donne, ora con la versione senior hanno un bel po’ di tempo. C’è speranza per loro… anche nella terza età!

    Rispondi

  • Non mi chiamo Candy (Silvia)

    |

    Portinaio d’altri mondi s’è rifatto il look!!! E che look!!! Non mi chiamo Candy soffre terribilmente d’invidia: il suo è decisamente un template provincialotto… come devo fare? Sigh!

    Rispondi

  • Donato

    |

    Probabilmente, ci salveranno quelli come te….. che hanno l’occhio sempre ben attento alla (triste) realtò che ci circonda, e la capacità di colpire con ironia e precisione chirurgica tutto ciò. Io, ormai, ho quasi perso ogni speranza. Si circola quotidianamente tra la spazzatura reale e quella culturale e morale. A tutti i livelli conta solo il basso interesse personale, da soddisfare non importa quanto in basso si possa scendere. Mah…..
    Continua così….
    D.

    Rispondi

  • momo

    |

    ormai non posso più nemmeno dire che è l’amore che ci salverà. stanno provando a rubarci i sogni e la poesia insieme alla democrazia. e comunque mi resta sempre la Colonia. bravo portinaio.

    Rispondi

  • Drago

    |

    questo è tra i tuoi capolavori, portinaio

    Rispondi

  • ganglio

    |

    Un grande pezzo di costume! Un vero spaccato della società italiana oggi. Un piccolo capolavoro di sociologia, o di esame sociologico. Veramente ben scritto, complimenti… spero di poterti leggere e ascoltare ancora, magari dallo sgabellino in piazza Maggiore!!!!! Nei giornali, anche se ti ingaggeranno meritatamente, penso proprio di no, perchè li leggo solo quando capita, cioè gratuitamente, in bar, biblioteche, ecc… non voglio neppure buttare un’euro per quella lercia schiera di fiancheggiatori del regime di servi e lacchè di mafie, massonerie e oligarchie varie!
    Un Lettore

    Rispondi

  • Portinaio

    |

    Ganglio grazie mille! E per i giornali ti consiglio “Cioè” pare sia l’unico ancora democratico!

    Rispondi

Lascia un commento