ESCORT GIAPPONESI

Portinaio . In viaggio con il Portinaio, L'altro Mondo, Nobodyknowsme, Portineria, Psicosi Collettiva, Sessuomani, Volantinaggio web 277 Nessun Commento

Ieri sera io e Marco siamo finiti “in uno dei peggiori bar di Tokyo”.
Ci siamo finito per caso, lo giuro.
Che poi dire peggiori è una parola grossa. Diciamo che assomigliava al salotto di mia nonna, però più sporco. 😛
Con quell’odore di stantio, il barista anziano e sdentato e i clienti con l’aria da maniaci sessuali.
Eravamo in quattro, clientela selezionatissima, di cui uno molto gentile che ci ha invitato a bere.
Kabukichō è una zona biricchina di Shinjuku, praticamente un dedalo di locali assurdi e senza valori morali. 😛

“Scusate abbiamo sbagliato bar”
“Voi venire dentro”

(Ovviamente sto interpretando quello che capivo)

“La ringrazio per la sua disponibilità, ma sto cercando un bar che si chiama…”
“Io offro da bere”
“Alcol?”
“Fiumi di alcol!”
“Allora caccia il secchiello nonno, che ti faremo vomitare!”

Un altro luogo comune sui giapponesi è che non reggono i superalcolici e quando sono fuori con gli amici o i colleghi perdono ogni dignità.
Lo yakuza che ci ha invitato ad entrare nel minuscolo baretto è un signore sulla mezza età, con dei denti rimessi a nuovo e la bava alla bocca. Ovviamente non è uno yakuza, ma io ho sempre avuto questa fantasia di incontrarne uno.
Sbiascica. E’ già bello tazzato.
Ci fa accomodare al bancone e nel frattempo ci intrattiene con un monologo incomprensibile.

“Vuoi Shochu?
“Non so cosa sia”
“Vuoi Shochu?”

Meno male che Marco ha sempre in tasca il suo pocket wifi.

Dopo aver “googlato” questo liquore ottenuto dalla fermentazione di riso, patata dolce, zucchero di canna e grano, decido di assaggiarlo sperando non sappia di acqua di Mocio Vileda.
Devo dire che non è male. Ricorda vagamente la nostra grappa, ma proprio vagamente.
Dopo tre sorsi, il nostro benefattore ha iniziato a trasformarsi in un orologio a cucù.
Si perché stava zitto, poi si addormentava di colpo e all’improvviso tirava fuori la lingua.
Comunicare è impossibile.
Nel frattempo il barista ci ha deliziato con i depliant di prostitute a pagamento, tutte vestite da scolarette e lolite.
Dice che a lui piacciono giovani.
Dove siamo finiti??????
E non posso neanche inventarmi la scusa di portare giù il cane o della zia che sta morendo.
Magari questi ci vogliono fare ubriacare e poi vendere al mercato nero parti del nostro corpo.

“Io lavoro nella televisione”
“Interessante. E cosa fa?”
“Io produttore televisivo”
“Se vabbè. E io faccio la ballerina alla Scala”

Non è facile trovare argomenti con un giapponese alcolizzato e che parla come se avesse uno straccio in bocca.
Con i gesti puoi arrivare giusto a tre o quattro discorsi, ma poi sono silenzi e lunghe bevute.

“Cosa fare di lavoro?”

E ora cosa gli rispondo?

“Cosa fare di lavoro?”

Forse meglio chiedere consiglio al mio amico Marco.

“Secondo te è meglio dirgli che siamo dei web designer o dei semplici scribacchini?”
“Web designer”
“Oppure che facciamo le guide per il Giappone?”
“Guide”
“O gli accompagnatori?”

Marco dopo aver pensato a lungo nella sua testa (cinque secondi) ha preso parte al discorso non sense, rispondendo in modo pacato e gentile alla domanda del vecchio bavoso.

“Siamo Escort!”

Si sono girati tutti.
Tokyo avrà milioni di locali e noi dove siamo finiti? Nell’unico frequentato da un maniaco bisessuale amante dei ragazzini.
Ha iniziato a tirare fuori banconote da 10.000 Yen manco fosse un bancomat.

“Non siamo escort, il mio amico voleva dire che accompagniamo la gente in giro, ma non in Motel”
“70.000 Yen?”
“No!”
“90.000 Yen?”
“Nonno mica siamo a – Ok il prezzo è giusto!”

Per una prestazione da un’ora una ragazza giapponese prende circa 20.000 Yen, per 5 ore 80.000 mentre per 10 ore arriva fino a 162.000 Yen.
Potete sceglierle sul tablet, con tanto di foto e aggiungere degli ingredienti extra come nella pizza.

escort giapponesi

Farsi fare la pipì addosso costa solo 2000 Yen in più, il pompino di benvenuto protetto 4000 e vederla agghindata come una coniglietta in calore appena 1000.
Il sito potete visitarlo QUI (mi raccomando lontano dalle vostre fidanzate!)

Il Portinaio

Lascia un commento