FEEL THE PAIN: MENSTRUATION MACHINE

Portinaio . Blog degli altri, Il Designer è il nuovo geometra, L'altro Mondo, Videocracy, Volantinaggio web, Vorrei essere l'Arte 1652 10 Commenti

Mestruazioni mangaMestruation Machine – Takashi’s Take è un video che parla di un ragazzo che per soddisfare il desiderio di essere donna, si costruisce una macchina per simulare le mestruazioni e soprattutto il dolore che provano le donne in quei giorni. Un  filmato normalissimo dove lo si vede fare shopping, cantare al karaoke, scherzare con le amiche, ma mai fare la ruota!
Sputniko è il nome che c’è dietro a questo progetto, artista anglo giapponese con il pallino per la tecnologia, il femminismo e la cultura pop. Le sue opere si ispirano alle teorie cyborg di Haraway e alle performance musicali di Laurie Anderson. Un genio dell’arte moderna! Quindi care ragazzine che andate ad Arcore, invece di muovere il culo e aprire le gambe cercate di essere un po’ più creative mentre a te, caro Silvio, ti consiglio questo oggetto!

Il Portinaio

Trackback dal tuo sito.

Commenti (10)

  • MaxTux

    |

    Se non sbaglio è un fenomeno radicato nella cultura Giapponese, intendo questo gioco dei ruoli, l’impersonamento.

    Mi ricordo di mille anni fa in cui lessi in un libro della Yoshimoto un tema simile.

    Rispondi

  • big lidia

    |

    LA FUOREZZA!

    Rispondi

  • Dan

    |

    Contento lui.

    Rispondi

  • momo

    |

    sperimentare anche i dolori mestruali … bah..

    Rispondi

  • DROWNED WORLD

    |

    Molto interessante il tuo blog. Ho visto che, tempo fa, hai lasciato un commento nel mio. Grazie per i complimenti 🙂 Se ti interessa, ho deciso di tornare 🙂 Complimentia te, dunque. Quando ho tempo, nel fine settimana, un giro qui me lo faccio volentieri 🙂

    Rispondi

  • marco

    |

    che bello il disegno sei proprio trash

    Rispondi

  • Ohurosan

    |

    ma sarebbe bastata una martellata sui maroni!

    Rispondi

  • tokyonome85

    |

    Ma che è scemo questo? ve lo dico io che sono donna, fa male. Credetemi sulla parola

    Rispondi

Lascia un commento