I CINQUE PECCATI DI ROMA

Portinaio . In viaggio con il Portinaio, Italians do it better, Portineria, Psicosi Collettiva, Videocracy 342 Nessun Commento

A capodanno sono andato a Roma.
Il mio amico ha deciso di lasciare casa e di trasferirsi in un una zona più tranquilla.
Quindi urge approfittarne.
Perchè abita a Campo de Fiori. Una delle sette meraviglie dell’Universo.
A parte il bordello dei turisti, il casino che fanno gli operatori ecologici, i clacson delle auto, i pianti dei bambini, le urla degli ambulanti, il trambusto del supermercato sotto casa, lo schiamazzo della gelateria, la confusione dell’altra gelateria…volete che continuo? 😛
A questo giro ho voluto evitare un po’ il centro, perchè nel periodo natalizio è completamente invaso da turisti impazziti che preferiscono farsi i selfie con il Papa Finto piuttosto che alzare il naso e ammirare i gioielli architettonici che offre la capitale.

papa-roma
Non ho visto neanche San Pietro e mia mamma è uscita pazza perchè non le ho comprato il rosario di Papa Francesco.

Drin drin

“Ciao mamma”
“Hai il sesto senso come me”
“Perchè?”
“Sapevi che ero io al telefono”
“Veramente mi appare il tuo nome sul display”
“Mmm quel cellulare è stregato!!! Dove sei adesso?”
“A Castro Pretorio”
“E dov’è? In Calabria?”

Roma non si discute. E’ veramente la città più bella del mondo.
Quindi piantiamola di paragonarla a Milano o ad altri paesi. Roma gioca in un altro campionato. Forse Pinarella Di Cervia potrebbe contenderle lo scudetto, ma ahimè non ha tante riserve in panchina.
A Roma in ogni bar che entri c’è una persona che vuole cambiare la città. Buone le intenzioni, poche le attenzioni.
E come in ogni città italiana ovviamente la colpa è di qualcun altro.
Primo problema il traffico, vera piaga sociale.
Appena uno si ferma con la macchina per far scendere la nonnina, che magari aveva accompagnato a far la spesa, perchè voleva fare una buona azione, inizia un concerto di clacson e di parolacce creative.
Poi se non trovi parcheggio si passa alla bestemmia.
In fondo quando si trova un posto per l’auto bisogna tenerselo stretto a costo di modificare la viabilità.

parcheggio-roma
Secondo problema: la spazzatura.
A me piace Roma, perchè è piena di ristorantini tipici e friggitorie.
Mi piace mangiare i supplì e i fiori di zucca. Poi da bravo ragazzo butto la carta unta nel cestino.
Ma c’è qualcuno che deve avere avuto un dilemma serio.
Perchè la carta la butti nel bidone della carta, il vetro in quello del vetro e l’umido nell’organico.
Ma le zampe di gallina dove le metti?

galline-roma
E non date la colpa ai cinesi. Questa foto l’ho fatta in centro!!!!
Il terzo problema di Roma sono i graffiti.
La Basilica di San Clemente è nota per essere un piccolo gioiello incastonato fra il Colosseo e San Giovanni.
E’ l’ultima dimora di S. Costantino Cirillo, ideatore dell’alfabeto e della scrittura paleoslave.

san-clemente
A lui va riconosciuto questo copyright: il cazzo sui muri.

cazzo
A lui si ispirano i maestri del vetro di Murano.
E lo omaggiano persino i negozianti in franchising che espongono in vetrina diavoli con erezioni ben visibili.

cazzo-murano
Non provate a fare quello che penso, potreste tagliarvi la lingua! 😛

garbatella
Il quarto peccato di Roma è il rumore.
San Lorenzo è uno dei miei quartieri preferiti, misto tossico pop. Gli abitanti però si lamentano.

san-lorenzo-roma
Andate a mangiare al Pastificio San Lorenzo, nel complesso del Pastificio Cerere, vera rarità architettonica del nostro paese.
Ma ahimè per ogni gioia ti viene data anche un po’ di amarezza.
Il quinto problema di Roma è la politica.
Nei pressi di Piazza di Navona c’è un bel negozietto, gestito da orientali, che vende ogni sorta di souvenir.
Potete trovare utensili di design per la casa, gadget inutili, porta ombrelli e personaggini hipster con baffetti che salutano con il braccio destro o grossi omoni prognati con la faccia contrita.

hitler-mussolini-roma
Se avete in programma una gita nella città eterna, ricordatevi di visitare la Centrale Montemartini e il Maxxi, perdetevi alla Garbatella e bevete ‘Na cosetta al Pigneto.
Ma soprattutto andate qui:


Buon anno in ritardo!

Il Portinaio

QUI una storia d’amore sotto i cieli di Roma.
QUA una vacanza romana qualsiasi.
QUO il mio ricordo più bello.

Lascia un commento