IL CANE NUDO

Portinaio . Portineria, Videocracy 728 Nessun Commento

“Che bei cani sono napoletani?”
“Ahahahahahah…mi scusi signore non volevo essere scortese…comunque no! Sono cinesi”
“Ormai sono dovunque i cinesi anche nei cani”
“Ma no! Sono di origine cinese!”

Bandito e Petunia sono arrivati all’improvviso il weekend scorso.

“Ciao mi tieni i miei carlini che puzzano un po’?”
“Guarda c’è mio padre in ospedale”
“Ti do 100 Euro”
“E’ guarito!!!”

Il copione è sempre lo stesso.
Vado a prenderli, metto la copertina nel portabagagli, li ripongo con delicatezza, torno a casa, apro il portellone dell’auto, il portabagagli è pieno di peli, la copertina non è servita a un cazzo. “Li scendo”, aspetto che rilascino tutte le loro deiezioni, prendo il sacchettino igienico, mi accingo per raccogliere lo stronzino di Petunia, si rompe il sacchetto e mi rimane la merda in mano!

Quando sto con loro mi vengono in mente i bei tempi passati insieme ai miei cani, come quando rubavano i reggiseni di mia madre per provarseli di nascosto nella cuccia, oppure quando si sono azzuffati nell’ascensore con il pastore tedesco e mio padre è uscito con i pantaloni strappati e le mutande di fuori!
Una volta “Miss Kelly” il boxer femmina di casa che si credeva una principessa, aveva deciso di venire con me al Ticino (noto fiume lombardo dove si va a prendere il sole).

“Va bene padroncino vengo con te in questo posto da poveri”
“Kelly non sei obbligata”
“Voglio vedere come mangiate i panini con la frittata”
“Ma io mi porto dietro solo la bottiglietta d’acqua”
“Ma non eri meridionale?”

Ricordo che ero stato trascinato dal mio amico Cristian, che per passare una domenica romantica con la neo fidanzata, aveva deciso di portarla sulla spiaggetta di un fiume inquinato in compagnia di un cane classista e del suo padrone scemo.
Kelly non gradiva la presenza dei tafani, io tantomeno.
Kelly non amava i sassi sotto le zampe, io tantomeno.
Kelly non sapeva nuotare, io sì!

Infatti mentre cercavo di insegnarli lo stile a rana, lei andava a fondo rischiando di affogare.
Scocciata come una zanzara in un obitorio è fuggita lasciando pochissime tracce dietro di se.

“Cristian ho perso il cane”
Stava limonando
“Scusa Cristian ho perso il cane!”
Le mordicchiava l’orecchio
“Vabbè mentre voi fate petting, con i guardoni che vi spiano, io vado a cercare la Kelly

In lacrime vagavo per i boschi, pensando di non ritorvarla più.
Avevo paura di ritrovarmi davanti a qualche maleintenzionato pronto a chiedermi un riscatto.
Oppure scene da film:

Lei con il coltello alla gola e il rapinatore che mi intima di consegnarli il mio portafoglio degli orsetti del cuore e dieci pacchetti delle figurine dell’album di Usa 94. (Baggio non l’ho mai trovato!!)
Io che mi ribello e mi butto per salvarla, prendo una coltellata, il rapinatore scappa con il bottino, Kelly mi guarda e mi piscia in testa e abbaia “finalmente libera…che ti credevi che ero come quella scema di Lassie con Liz Taylor?”

Niente di tutto questo è successo.
Il mio cane era scappato in una zona riservata ai nudisti!
L’ho vista mentre infilava il suo naso umido nel sederone di un’ anziana signora che sentendosi minacciata nel di dietro ha iniziato a urlare.
Come biasimarla, provate voi a infilarvi un’oliva ghiacciata mentre state crogiolando al sole.
Ricordo che l’anziana signora si alzò di scatto e chiamò suo marito.
Davanti a me due persone nude, di una certa età…(momento di sgomento)…allora sono così le parti intime degli ottuagenari.
Tette pendule come sciarpe e capezzoli grossi come piatti da seconda portata, passerina rada che ricordava più la forma di una ventosa piuttosto che un’orchidea selvaggia, testicoli al ginocchio impanati di peli color barba di Babbo Natale, il tutto pastellato con delle vene varicose sparse.
Non sapevo se far finta di niente e lasciare il cane nelle loro grinfie o riprendermelo scusandomi “da lontano”.

“E’ tuo il cane?”
” A volte”

Mi avvicinai con calma e cercai di prenderla per la coda (cazzo ai boxer tagliavano la coda), allora cercari di prenderla per la collottola, mi girai per non guardare i nudisti e invece di afferrare il cane presi la gamba dell’anziana.

“Mi scusi non volevo palparla”
“Ma sei intimido dalle nostre nudità?”
(faccia rossa)
“Spogliati anche tu e liberati dalle tue paure”
(faccia sgomenta)
“Vedrai che senza vestiti anche il tuo pensiero si libererà”

Ma il mio cane era già scappato andando a usmare sederi a tradimento. Tutta la spiaggia fuggiva per paura di essere aggredita, in effetti non le avevo mai tagliato le unghie e, i cani si sa, quando sono eccitati da situazioni piccanti…

Che figure di merda! Sembravo io quello nudo!
Alla fine un brav’uomo è riuscito a placare le voglie di Miss Kelly accarezzandole la pancia, mentre lei odorava furente…non vi dico cosa!

Il Portinaio

Tags: Portineria Videocracy

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento