LA GIOIA DI MELCHIORRE

Portinaio . L'oppio dei popoli, Videocracy, We are Family 1336 Nessun Commento

happy tree friends
“Ricordati dobbiamo alzarci alle 6!”
“Va bene punto la sveglia!”

Ma siccome va più o meno così:

sveglia

“Allora dormi da noi!”
“No!”
“Ti prego!”
“No!”
“Ti pago la benzina e ti do 10 Euro per comprarti le figurine degli Animaletti cerca famiglia
“Va bene madre!”

I miei, che in un’altra vita dovevano essere dei gufi, hanno sbagliato a puntare la sveglia e ci siamo alzati alle 4!
Mio padre tranquillamente ha preparato il caffè e poi ha acceso la luce.
Mi sono trascinato verso la cucina e mi sono accorto dell’ora!
Cristo!
Oggi è un gran giorno per la nostra famiglia. Finalmente uno di noi potrà diventare un personaggio del cinema.
Mio padre ha scelto questo:

willy l'orbo

E’ Noto ad alcuni come Willy l’orbo, il pirata che cercavano i Goonies.
Deve operarsi ad un occhio e il rischio di perderlo è del 35%.
Cazzo sarebbe bellissimo che dopo la gamba finta arrivassero in casa pure le biglie a forma di pupilla.
Se va avanti così rischia di diventare come Robocop!
Per mitigare la sua ansia durante questi giorni gli abbiamo comprato una benda nera, una paletta e secchiello da spiaggia per costruire la pista sulla sabbia, un uncino finto e una bandiera con il teschio.
Gli ho anche insegnato questa sigla:

“Magari ti mettono l’occhio finto come Terminator, così puoi vedere sotto le mutandine delle signorine”
“????”
“Preferisci un raggio laser tipo Superman?”
“????”
“Facciamo che ti usiamo come posacenere”

Niente…non ride alle mie battute.
Siamo arrivati alle 6.30 a Milano, c’erano ancora in giro le professioniste del piacere.
Mia madre voleva un caffè, ma era più facile trovare un etto di fumo che un bar aperto.
Nella sala d’attesa eravamo soli.
Poi è arrivata una signora anziana e quando mio padre è andato sotto i ferri è iniziato l’incubo.

“Buongiorno io sono Maria”
“Buongiorno”
“Come ti chiami?”
“Melchiorre”
“Veramente?”
“Sì! Mia madre ha la fissa del Presepe, pensi che lo teniamo esposto tutto l’anno”
“E dov’è ora?”
“Se la conosco bene sarà andata a pregare nella cappella dell’Ospedale e a rubare 1000 santini e qualche candela”
“Anche io devo essere operata”

Perchè non ho fatto finta di essere sordomuto?

“Si vede che sei un bravo ragazzo. Ti posso chiedere una cosa?”
“Non sono bravo! Mi ha pagato per venire qui”
“Ieri ho incontrato ad un gruppo di preghiera una signora che viene dalla Puglia. Ha visto la Madonna”
“E dove?”
“Vicino Taranto”
“Sarà per colpa dell’inquinamento dell’Ilva”
“Non si chiama Iva”

Oh cazzo! Questa manco mi ascolta.
Perchè le timorate di Dio vengono tutte da me? Forse ho il terzo occhio che vede e attira questi personaggi. Devo chiedere al chirurgo di farmelo asportare e di inserirmi un bell’ unicorno. Almeno faccio l’appendiabiti.

“Mia nipote ha più o meno la tua età”
“Io non dimostro i miei anni”
“Beh sarai sui 25”
“No meno. 23!”
“Lo sapevo. Capisco subito al volo le persone”

Infatti. Vi tralascio il monologo sui film che aveva visto la sera prima.
Era così puntigliosa nel descriverlo che a un certo punto ho dovuto fingere che mi uscisse il sangue da naso.
Tornato dal cesso ha ricominciato a tediarmi.

“Tu guardi il canale Tv 2000?”
“Certo! Mi piace la trasmissione – Vade Retro – quella degli esorcismi”

“Non la conosco…io di solito guardo gli speciali sui Santi e le messe di Lourdes”
“Le messe in diretta da Lourdes sono come Beautiful non succede mai niente”
“Che Santo ti piace?”
“San Benedetto…quello dell’aranciata”
“A me San Francesco”

Qui l’argomento si fa delicato. E in più neanche lei ride alle mie battute.

“San Francesco mi ha aiutato a gestire il rapporto con mia nipote. Sai mia sorella la picchia sempre e c’è molto astio fra di loro. Io invece sono una zia buona e generosa e la invito sempre ai gruppi di preghiera, perchè voglio che ritrovi la strada della fede”
“Scusi signora devo correre ancora in bagno, non capisco questo mio sanguinare, peggio delle femmine nel loro periodo”
“Io non ho più quei problemi mensili”

Che cazzo, m deve dire pure che è in menopausa!

“Ti è passato? Ma vuoi andare al Pronto soccorso? Forse è quell’anello che hai al naso”
“Mi è uscito dall’altra narice”
“Come mai sei qui?”
“Operano mio padre”
“A cosa?”
“Unghia incarnita!”

Cretina! Siamo nel reparto di oculistica.

“Sai che il Papa ha preso il nome proprio da San Francesco?”
“Ah sì? Pensavo fosse rimasto toccato dall’arte di Francesco Facchinetti”
“San Francesco era proprio un brav’ uomo. Ha donato tutto ai poveri e ha vissuto in miseria avendo sempre fede”
“Parlava anche con gli animali”
“E’ vero”
“E a lei le sembra normale?”

La signora si è irrigidita. Cristo adesso mi salta al collo e finisco in traumatologia.
Magari il mondo fosse pieno di persone come Francesco, pronti a vendere tutto e a regalare denaro al primo bisognoso che passa. Ma questo non è il periodo storico giusto.
Se oggi vedi Dio, il diavolo o qualche Madonna a caso, vieni subito rinchiuso per un trattamento sanitario obbligatorio, t’imbottiscono di psicofarmaci e cara grazia se ritrovi lavoro.
Secondo la biografia del Santo, le sue “stranezze” e visioni furono dovute al lungo periodo che passò in carcere durante la guerra con Perugia e soprattutto al senso di compassione che provava verso ammalati, poverelli e reietti.
La “stranezza” la chiamano anche “disturbo dissociativo d’identità con pulsioni altruistiche incontenibili”.
La sua abnegazione diventò qualcosa di assoluto, dove il donare tutto se stesso era l’unico obiettivo nella vita.

“Tua mamma come si chiama?”

Questa volte non mi fotte. Se le dico Chiara, scatta il sermone sulla vita della Santa.

“Rosa”
“Che bel nome”
“E tuo padre?”
“Willy”

Non faccio in tempo a dirle che ho un gemello parassita attaccato ai maroni che arriva mia madre.

“Suo figlio Melchiorre è proprio un bravo ragazzo. Non se ne trovano tanti come lui, disposti a parlare, discutere e aprire il proprio cuore. Se mi da il suo numero di telefono posso chiamarla per parlare un po’ e magari trovarci a pregare”
E quella furba di mia madre gliel’ha dato!
Mio padre invece ha superato l’operazione con successo. Non diventerà orbo e non dovrà esprimere l’ultimo desiderio.
Mi piace pensare che per una volta non sia stata solo la bravura del medico.
Peccato però…l’avevo già venduto al circo per lo spettacolino con la donna baffuta.

Il Portinaio

Questa non la sapevo: durante il Natale del 1223 a Francesco venne un’idea geniale!
La rievocazione della nascita di Gesù. Ragazzi ha inventato il presepe!!!
Che se c’era Lele Mora o Briatore sai i soldi che si facevano con la vendita della statuine!

happy tree friendshappy tree friendshappy tree friends

Lascia un commento