LA STRONZA DI BRERA

Portinaio . Italians do it better, Portineria, Raccolta differenziata 2574 1 Commento

strega di biancaneveFuori dalla Pinacoteca, nei pressi di via dei Fiori Chiari, ci sono un sacco di africani che vendono borse contraffatte, giapponesi estasiati dai prezzi bassi e le cartomanti!
E chi ti trovo io?
Quella vecchiaccia che mi butta il mais per i piccioni sotto casa!
Oggi ha persino preso ad ombrellate un bambino perché giocava con i sordidi volatili a “farsi cagare in testa”.
Ecco cosa fa questa megera. Si veste da Gina Lollobrigida, con paillettes rosse e collane vistose!
Affascina i turisti con i suoi turbanti rubati ai Sikh tipo Kabir Bedi e poi se le guardi i piedi…meglio che sto zitto che ho già il rigurgito.
Anzi no, ve lo dico: ha delle unghie delle dita dei piedi pazzesche.
La D’Urso e la Perego la vogliono allo Show dei Record perché riesce a sbucciare delle Geox muovendo un solo dito!
Non sapevo che facesse questo mestiere. La vedo sempre vagabondare intorno a casa mia con il suo carrellino e fare scintille sull’asfalto, con la sola imposizione dell’alluce.
Questa ladra viene qui a truffare la gente.
Quasi quasi mi fermo e le domando “Maga Magò sai indovinare chi viene a pulirmi il balcone e il marciapiede sotto casa?”
E’ antipatica come una gomma da masticare sulla ricrescita! I baristi sotto casa quando la vedono fanno sparire  tutte le brioches perché lei le tocca tutte e le annusa!maga magò
Ma la peggiore delle maghe doveva ancora arrivare!
La strega salernitana mi ha acciuffato con la sua simpatia e il suo dialetto stretto!
“Tenit’ a sigarett?”
“Dice a me?”
“No a’soreta”
“Eccola signora”
“I fum’ maBBoro liz”
“Queste sono simili,  si chiamano Marlboro Touch”
“Cumme t’accir?”
“????”
“Mi capisc?”
“Sì”
“i song’ di Salerno…tu si di Milano?”
“Capisco il dialetto…parli pure”
“Chiove, chiove, com a sfascimm a chiove, na goccia rintr u sicchio fa tic tac tic tac, oi ca cacament e cazz!”
“Beh così è troppo!”
“Tu si nu brav’ uaglion’…tieni gioca all’enalotto…i song’ devota a Padre Ppi”
“Padre Pio?”
“E io ch’aggia ritt? Si surd? Mo strofina la moneta sul foglio dell’enalotto”
“Ma riesce a parlare Italiano?”
“Strufinamm a pruchiacchia pure”
La pruchiacchia in dialetto è la vagina.
Mia nonna me lo diceva sempre quando ero piccolo “Gabriè m’hai scassato la pruchiacchia!”
“Non ho monete signora (e lei non ha neanche i denti)”
“Caccia la carta”
“Di credito?”
“Si propr’ strunz, mica arrobb”
Tiro fuori 5 euro e la megera me lo ruba dalla mani, lo strofina sulla schedina del lotto e mi toglie intanto il malocchio!
“Gioca 26 a’ nanninella, 54 o cappiello e 16 o’culo!”
Poi mi guarda e sputa sui soldi…porgendomeli con gentilezza!
“Ma che schifo!”
“Vulessn na cos i sord…pe cinGue euro!”
Si è girata e mi ha lasciato “cumm nu strunz”.
Ora vado a farmi un cappello di piccioni e un corso intensivo di napoletano!
maleficent la bella addormentata nel bosco

POESIA NAPOLETANA

’O viento chisto pilo m’ha purtato
ch’è niro e tene ’addore d’’a pisciazza.
Dimme, peluzzo mio, addò si’ nnato ?
Si’ nnato ncopp’’a fessa o ncopp’’o cazzo?
Si’ nnato ncopp’ a fessa e na zetella
oppure ncopp’’o cazzo ’e nu surdato ?
O, forse, ’na puttana d’’a fessella
levannose ’e chiattile t’ha scippato ?
Ma fusse pilo ’e culo e stive a buordo,
rimasto stuorto, niro e atturcigliato ?
Dimme, peluzzo mio, si t’arricuorde,
’o cazzo quanta vote t’ha ntuppato ?
Ched’è, te miette forse in imbarazzo ?
Nun me rispunne? Faie parlà a me sulo?!
Aggio capito già: si’ pilo ’e mazzo;
t’aggio sbrugnato. Iesce, va fa n’culo!

Il Portinaio

Commenti (1)

  • Morfeonauta

    |

    ahahahah bella Napoli

    Rispondi

Lascia un commento