SAILOR MOON CRYSTAL

Portinaio . Guardavo troppi cartoni, L'altro Mondo, Melevisioni, Otaku da morire, Portineria 2695 Nessun Commento

La mia compagna di classe Caterina era molto curiosa.
Ogni tanto subiva atti di bullismo per via della sua fisicità burrosa e per quelle sue pettinature al limite del buon gusto, però ci legava qualcosa.
E’ colpa sua se ho incominciato a guardare Sailor Moon.
Mi avevano messo in banco con lei, in prima fila, perché ero chiacchierino e disturbavo l’andamento delle lezioni.
Non avevamo nessun argomento in comune.
Mi annoiavo a morte.
Guardavo le sue acconciature, che mi divertivano, tipo come quella volta che si presentò con uno chignon con appesi dei colombi e delle mimose.
La classe insorse e fummo ricoperti da becchime per uccelli. Il suo parrucchiere invece fu mandato su un’isola deserta, senza forbici e phone.
Ogni tanto lasciava il suo diario segreto sul banco (cogliona) con appoggiato un biglietto con scritto “Non leggere”.
Certo! Non poteva accaderti compagno di banco peggiore.
Di nascosto lo aprivo e scoprivo segreti indicibili.
Andava in camporella con il cugino di secondo grado e poi scappava a casa a lavarsi perché si sentiva sporca e incestuosa.
Dio! Cosa ho fatto? (Non giudicatemi che non avete ancora finito di leggere!!!!!)
Scriveva che era attratta sessualmente da lui, ma poi si pentiva di quello che faceva.
La storia si ripeteva con lo stesso copione. il cugino cercava di rimanere solo con lei e dopo mille baci sul collo finivano per avere un rapporto sessuale.
Siccome non lo facevano protetto, usavano come unico contraccettivo la “ritirata”.
Ci ho messo giorni per capirlo. Poi mia madre mi ha illuminato!
Ma siccome è troppo volgare non posso scriverlo, lascio a voi la libera interpretazione.

Sailor Moon Crystal

Preso dal senso di colpa un giorno le ho chiesto perché intrecciava dei fili di lana sotto il banco.
Lei mi rispose che stava facendo dei braccialetti con i colori delle guerriere Sailor.
Verde come Sailor Jupiter, arancio come Sailor Venus, azzurro come Sailor Mercury, rosso come Sailor Mars…e basta!!!! Non è che mi devi raccontare tutta la serie!
Poi la prof di ragioneria ci sgamò e s’incazzò come una iena, per Dio che carattere di merda che aveva!
Così ho incominciato a guardare la serie televisiva, ma non ci capivo una mazza. Caterina però mi diede tutte le vhs delle puntate e così mi portai a pari in una settimana.

“Che guerriera vuoi essere?”
“Nessuna!”
“Perché?”
“Perché già mi prendono per il culo quando voglio giocare a pallavolo nell’ora di educazione fisica, figuriamoci se mi metto a far finta di essere una pazza vestita da studentella giapponese”
“Vuoi fare Milord?”
“Facciamo che studiamo?”

Caterina mi riassumeva le puntate che non riuscivo a guardare, con tanto d’imitazione dei personaggi e mimo in classe delle movenze delle guerriere.
I nostri compagni ci vedevano come i picchiatelli del mese, ma loro non sapevano i suoi segreti e del disagio che si portava come un fardello.

Sailor Moon Crystal

Sailor Moon era una fuga e la mia presenza l’allontanava dai suoi problemi. Con il tempo la sua relazione con il cugino finì, perché finalmente si era trovato una ragazza che non fosse una sua parente.
Nel diario scriveva che si sentiva bene con me, perché ero simpatico e guardavo i cartoni animati.
Ebbene sì, era un passatempo leggerlo, ma era l’unico modo per capire se stava bene.
Credo anche che lo facesse apposta a lasciarlo in bella vista.
Poi la serie finì e dopo la maturità non ho saputo più niente di lei.
Ma Sailor Moon è tornata, il suo reboot era atteso da un po’.
Ho guardato le prime puntate giusto per farmi un’idea e vedere se suscita in me un po’ di nostalgia.
Beh è la caricatura di se stessa.
Sembra un milf travestita da ragazzina.
Bunny fa la seconda media, mica l’università della terza età!
Ha dei codini ancora più chilometrici, roba che se andasse in motorino rischierebbero di finirli nei raggi delle ruote.
Ha il viso appuntito come una faina, gli occhi grossi come padelle dell’Alessi, una bocca appena accennata e sua madre sembra sua sorella. E poi è magrissima peggio di Kate Moss.
Caterina non apprezzerebbe questa cosa.

Sailor Moon Crystal reaction
Peccato! Ma forse sono io che sono cresciuto e cara grazie che non sono al Toys a rubare bamboline e scettri lunari.
Ma va bene così. E’ tempo che la nuova Sailor Moon conquisti altro pubblico, legato a lei mi rimane un vago ricordo di una ragazza che si dimenticava il diario sul banco, si pettinava di merda e che mio malgrado ho aiutato. Senza il potere della Luna

Il Portinaio

sailor moon crystal fumetto

 

Lascia un commento