SE LA FINALE DI SANREMO 2019 FOSSE POST MODERNA

Portinaio . Eventi Stikazzi, Italians do it better, Melevisioni, Musica Maestro, Psicosi Collettiva 332 Nessun Commento

Stasera sarò ospite da amici, che ogni anno organizzano il cenone della finale di Sanremo, con tanto di votazioni e cambi d’abito. Fra bambini urlanti, fritti misti e briciole di wafer non riuscirò a seguire a dovere il Festival. Quindi vi lascio con la scaletta dei cantanti e un giudizio strampalato.
Se avete voglia seguitemi su Twitter cliccando QUI.
Buona serata.

Daniele Silvestri insieme a Rancore – Argento vivo
Voto postmoderno:

Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte
Voto postmoderno:

Ghemon – Rose viola
Voto postmoderno:

Negrita – I ragazzi stanno bene
Voto postmoderno:

Ultimo – I tuoi particolari
Voto postmoderno:

Nek – Mi farò trovare pronto
Voto postmoderno:

Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me
Voto postmoderno:

Francesco Renga – Aspetto che torni
Voto postmoderno:

Mahmood – Soldi
Voto postmoderno:

Ex-Otago – Solo una canzone
Voto postmoderno:

Il Volo – Musica che resta
Voto postmoderno:

Paola Turci – L’ultimo ostacolo
Voto postmoderno:

The Zen Circus – L’amore è una dittatura
Voto postmoderno:

Patty Pravo con Briga – Un po’ come la vita
Voto postmoderno:

Arisa – Mi sento bene
Voto postmoderno:

Irama – La ragazza con il cuore di latta
Voto postmoderno:

Achille Lauro – Rolls Royce
Voto postmoderno:

Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce
Voto postmoderno:

Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta
Voto postmoderno:

Simone Cristicchi – Abbi cura di me
Voto postmoderno:

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood
Voto postmoderno:

BoomDaBash – Per un milione
Voto postmoderno:

Einar – Parole nuove
Voto postmoderno:

Motta – Dov’è l’Italia
Voto postmoderno:

Comunque nel 1990 doveva vincere Amedeo Minghi e Mietta con Vattene Amore, altro che Pooh!

Il Portinaio

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento