FIRE (Il Portinaio Vs Bee Hive)

Portinaio . Italians do it better, J-Pop, Lavoro sporco, Musica Maestro, Portineria, Videocracy 2464 11 Commenti

mirko ciuffo rossoIl concerto è iniziato alle dieci e mezza.
L’Estragon era abbastanza pieno! I Bee Hive forse non hanno dalla loro una pianificazione marketing come Jovanotti, ma il pubblico era molto caldo ed entusiasta.
Le prime file erano per i fan più sfegatati.
Quelli che mi fanno sorridere di più sono i metallari con le parrucche viola di Satomi, due ragazzini con quelle di Mirko e due pazze con il caschetto azzurro. Non so chi ce l’avesse nel telefilm, forse erano due entreneuse mandate dai giostrai.

“Gabry quello ha la parrucca di Maradona”
“Marco sono i suoi capelli!”

Tutti quelli che hanno saputo che sarei al concerto dei Bee Hive, mi hanno fatto la stessa domanda “Canteranno con la parrucca?”
Ma secondo voi? Mica devono fare come i ridicoli Cugini di Campagna, che sembrano usciti da un film porno anni settanta.
Un po’ ci ho sperato anch’io, ma alla fine i Bee Hive sono apparsi vestiti normali.
Niente divise, niente capelli colorati e niente atteggiamenti da star.
Non la pensava uguale quella di fianco a me!
Una pazza che continuava ad urlare, manco le avessero asportato un rene.
Siccome continuava a fare domande imbarazzanti all’amica, sono intervenuto a gamba tesa, un po’ per attaccare bottone, un po’ per rovinarle la serata.
D’altronde cosa fareste ad una che ti schiaccia i piedi e non ti da modo di fare neanche una foto, perché alza le mani per indicare?
Cretina non si indica la gente, piuttosto parli nell’orecchio e sussurri “Perché sono vestiti così?”
Da bravo reporter mi sono scritto tutte le fregnaccie che diceva, invece di annotarmi la scaletta del concerto!
Chiameremo la psicotica urlatrice PX

PX “Hai visto Manuel De Peppe indossa dei guanti”
“Si ha una dermatite, come Padre Pio”
PX: “Veramente?”
“Sì, pare che gli sia anche apparsa la Madonna nel backstage”
PX: “Ma Padre Pio non aveva la dermatite”
“E tu come lo sai?”
PX: “Guarda Pasquale indossa l’orologio”

Dio la perdoni! Ma una ad un concerto sta lì a notare se il cantante indossa un orologio? E’ più puntigliosa di me.

“Ce l’ha perché a metà concerto deve prendere le pastiglie per la pressione”
PX: “Indossa anche le scarpe da ginnastica”
“Cosa volevi che si mettesse gli zoccoli? Mica ha l’alluce valgo”

PX: “Guarda Satomi ha la camicia bianca!”
“E’ per non far vedere gli aloni di sudore!”

PX: “Ma come si chiama quello che suona la chitarra?”
“E’ un basso…e si chiama Tony Amodio”
PX: “E chi è?”
“Uno che canta nei salotti in Canada”

Non devo starle molto simpatico, perchè mi da certe occhiate, ma io non sopporto quelli che:

1)    Ai concerti cantano stonando come delle capre
2)    Ai concerti buttano i peluches infeltriti ai cantanti (comprate quelli di qualità)
3)    Ai concerti buttano il reggiseno (Sono maschi mica si travestono la notte)
4)    Buttano i mozziconi in autostrada
5)    Al cinema commentano il film e ti raccontano i cazzi loro

Ad un certo punto la fatidica domanda:

PX: “Perche non sono usciti con le parrucche?”

Ma perché devono stare imprigionati in quel clichè! Che palle!
Piuttosto avei messo dei manichini vestiti da Bee Hive da prendere a mazzate. Questo sarebbe stato un vero ingresso. I nuovi Bee Hive che si sganciano da quelli vecchi.
Io punto tutto su di loro, anzi, se volete una consulenza creativa chiamatemi!
Insieme potremmo fare scintille, poi nel caso la parrucca me la metto io! Che dite di presentarvi così sul palco?

Il concerto è stato comunque un trionfo, a parte la demente che mi tediava tutto il tempo con le sue domande.
Ogni tanto mi giravo per guardare la folla.
C’era un ragazzo che bisbigliava tutte le parole delle canzoni. E stava lì fermo, timido davanti ai suoi beniamini.kiss me licia
Perché io non me le ricordo tutte?

“Presto Marco prestami il tuo Smart Phone che ci andiamo a ripassare le canzoni dei Bee Hive”

Una piccola cosa, oggi ti ho visto fare
Una piccola cosa che però tanto grande invece è

Qual è quella cosa piccola che poi diventa tanto grande? Ma allora anche loro, come nelle sigle, alludono al sesso? Porcellini!

Profuma di fresco l’aria del mattino
Ti svegli il mio abbraccio ti circonda già
Il tuo respiro è una carezza
Che tutto il mondo sfiorerà

Con questa volete convincerci che Licia aveva l’alito fresco appena sveglia? E non di carcassa di antilope?

Sono solo a casa io
E mentre aspetto te
Lo sai mi annoio un po’
Questa casa senza te, tanto triste e vuota è

Mirko: masturbati se ti annoi!

È bello stringerti tra le mia braccia
Tenerti mentre tu ti appoggi a me
Bacio i tuoi capelli, stringo le tue mani
Mano nella mano io e te

Guarda che sei tu che devi appoggiarglielo!

Cosa c’è
Un lacrima ti scende sul viso
Ed io non so perché.
Cosa c’è? Cosa c’è?
Cosa c’è su forza parla con me

Magari aveva dei dolori mestruali lancinanti! Cosa vuoi capirne tu?kiss me licia

Dopo i momenti altissimi di Baby, I Love you, Freeway e i saluti finali, i Bee Hive si sono dati ai fan con autografi e fotografie.
Beh, c’era bisogno di un mocio da tanto erano eccittate le ragazze.

PX: “Tu non vai a farti fare l’autografo da Mirko?”
“No, mi sembra di stare su un bagnasciuga”
PX: “????”

Perchè nessuno capisce mai le mie battute sessuali?
Il muro di fans era impossibile da sfondare.
Così sono andato nel retro dell’Estragon e ho notato che c’era Paul che parlava con un amico.
Fa sempre strano sentirli chiamare con il loro nome di fantasia, ma lo è ancora di più quando loro si girano.
Anche mia mamma usa un nome di fantasia per me: “pirla”. E anch’io mi volto sempre!

“Luciano gentilmente, potresti farmi la dedica per Rockol e per il mio blog?”

Mentre stava per firmarmi il foglio abbiamo sentito delle urla!
“Mi hai rovinato l’animaaaaaaa!”
Una coppia, lei bionda ossigentata permanentata e con dei monili grossi come sanpietrini, si pestava in auto.
Gridavano come dei caciottari al mercato.
Dopo un secondo lui ha iniziato a tirarle i capelli. Giustamente, chi cazzo l’aveva pettinata?
Non ho capito se Luciano (alias Paul) era più inorridito dalla tinta della litigante o spaventato dalle testate che si davano sui finestrini.

“Dai Luciano non stanno urlando per te! Fammi sto autografo che siete in cinque e devo rincorrervi nel retro bottega!”

Quando sono uscito con il mio bottino, li ho guardati smontare gli strumenti e caricare le auto.
Credo che l’umiltà che li contraddistingue sia una carta a loro favore, che i fans adoranti siano una cosa che si meritano.
I Bee Hive sono brava gente, tutto qui!

Fine

“Portinaio parli come un catechista”
“Ah sì? Allora leggi qui sotto!”

bee hive

E questa cosa? Girano per la penisola a cantare e a Milano vengono a fare i gelatai? Questa non posso perdermela, voi non siete curiosi di vederli coi baffi di cioccolato e magari la camicia sporca di gelato alla fragola? Attenti Bee Hive qui scatta un altro post!

Il Portinaio

Commenti (11)

  • Dayana

    |

    La tua consulenza creativa è il TOP! 😉 Farebbe scintille sul serio !!!!

    Rispondi

  • Maria

    |

    Bravo portinaio, molto simpatico!

    Rispondi

  • venusya

    |

    come sempre ti distigui dalla massa complimenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!una burrosa!

    Rispondi

  • Maria

    |

    Vensya ma quale burrosa sei?! ahahahahaha!

    Rispondi

  • venusya

    |

    sono quella vestita con pantaloni e maglia a maniche lunghe,di color chiaro!!!!!!!!hahahahaha!!!!!!!!!1

    Rispondi

  • RYOGA184

    |

    grande reportage Gaga’ !!!! certo che psicolabili li becchi tutti te!

    Rispondi

  • Bea

    |

    *_* Aaaaaahhhh!!!! Mi sono emozionata a vedere il video!!! Probabilmente senza saperlo, anch’io avrei saputo tutto le parole…voglio vederli!!! >_<
    Ti posso assicurare che sarei stata lì, ad alimentare il bagnasciuga! 😀

    Rispondi

  • Dan (Quello che chiude la Portineria)

    |

    Bravo Gabriele! Così si scrivono i post.

    Rispondi

  • Manuel

    |

    Grande Portinaio!
    Molto divertente 🙂
    Ti spettiamo alla prossima e il 4 Giugno a Milano per un bel gelato…. “CI Gusta” e’ il nostro sposnor, una nuova catena mondiali di gelato…. sara’ il fastfood del gelato!
    Un abbraccio….

    Rispondi

  • tokyonome85

    |

    ehehhe però le parrucche….ehehhe però pure il gelato. Ti dirò il manifesto, con questa storia del gelato, sembra un po’ come dalle mie parti. La sola differenza è che voi milanesi siete più sofisticati, perchè da noi al massimo ci sono i nomadi o i cugini di campagna e ti aspettano per un panino con la salsiccia alla festa della birra.

    Rispondi

Lascia un commento