LE MOLTEPLICI PERSONALITA’ DI PIERA A IKEBUKURO

Portinaio . Amico è, In viaggio con il Portinaio, L'altro Mondo, Psicosi Collettiva 1937 Nessun Commento

Ho scoperto che la mia compagna di viaggio manifesta ogni tanto delle personalità distorte. Qualcosa me l’avevo fatto pensare quando l’ho vista reagire ai negozi di Shibuya, ma non credevo che potessero essere così tante!
Ho paura!
Eccovi la lista:
1) Piera la Principessa di Odolo
2) Piera Lolita Gotica dall’accento bresciano
3) Piera la Fottuta Gaijin
4) Piera la Gattara
5) Piera la Traduttrice
6) Piera la Ragazza Interrotta

Ho conosciuto la Principessa di Odolo sei anni fa durante i corsi dello Ied (noto ad alcuni come Istituto Europeo di Design) Mi raccontava, durante la ricreazione, del suo regno pieno di gatti. I suoi servitori erano quasi tutti trovatelli e passavano le giornate a leccarle i piedi, dove prima aveva spalmato del Bagos, noto formaggio delle sue valli!
Il padre Re Baffone e la madre Marchesa Milly decisero però di mandarla nel regno Milanese per darla in sposa a qualche baronetto, ma lei più che innamorarsi sperperò denaro da Prada e Gucci!
Dicono abbia una gemella rinchiusa nelle segrete del suo castello solo perchè comunistella e sciatta.
Ma torniamo a noi!
Questa mattina si è manifestata la Traduttrice.

“Senti Gabry, ‘sto Patrick qui appena si avvicina attacca bottone e inizia a raccontarti della sua fidanzata giapponese, ma a me non me frega un cazzo!”
“Forse vuole socializzare”
“Crepi!”
“Prova a fare uno sforzo!”

Lei mi guarda, stringe gli occhi e, siccome ha appena letto come castrare i gatti con la forza del pensiero, me ne sto zitto!
Oggi andiamo ad Ikebukuro, a detta dalla guida Lonleyplanet “una zona ormai dimessa di Tokyo”.
Arriviamo come al solito senza perderci e cerchiamo subito Nekobukuro, una specie di appartamento all’ultimo piano di un grande magazzino dovepuoi coccolare i gatti.
Indovinate quale personalità si  è manifestata?
Prima di entrare ha comprato: spille, posacenere, magneti, timbri, anelli, carta da lettere a forma di gatto. E’ ufficialmente impazzita! Speriamo non vada in calore.

Nekobukuro

La fragranza di urina di gatto non è come quella dei bagni dell’Autogrill, ha quell’aroma un po’ pungente, ma non ci bado, meglio fare contenta la mia amica.
Mi fa un po’ paura!
Parla coi micetti e dice che non sono a loro agio. Li fotografa e poi ripete: “Liberiamoli!!!”

“Ma no, stanno bene qui, dove li vuoi liberare?”
“No, stanno male guardali”.
“Piera quella è una lettiera non puoi farci la pipì!”

In effetti, stare in mezzo a ‘sti animali che non ti guardano neanche se tu avessi due tonni sotto le ascelle non è un granché. E’ vero ti fanno un po’ pena, vorresti aprire la porta e farli scappare, ma io annuisco e aspetto che la mia amica ritorni in sé.
E’ bastato scendere al 2° del Grande Magazzino piano perché si manifestasse un’altra personalità: La Ragazza Interrotta.

Nekobukuro

E’ quella che devo tenere più a bada, ha una crisi davanti a qualsiasi oggetto di colore verde o che abbia la forma di  fragola o ciambella.

“Piera, guarda che potremmo fare a meno di questo”
“Lasciami!! non mi toccare!!! Plebeo!”

Perdere bava ovunque, gli occhi diventano rossi e  a riempie i carrelli anche degli altri clienti.
Poco più avanti uno dei tanti Store di Hello Kitty, le ho proposto di comprare la versione limited edition di “Hello Kitty vagabonda a Yokohama” (che era a buon mercato) ma non c’è stato verso. Mi ha impalato con una scopa della rana Keroppi e imbavagliato con una asciugamano di Cinnamonroll, per poi scappare a fare compere da sola!!!
In effetti quella limited edition non era un granché, è come se da noi  vendessero “Hallo Kitty in vacanza a Gioiosa Ionica”
Dentro una sala giochi è diventata Lolita Gotica dall’accento bresciano, ovvero la ragazza che si agghinda di ciondoli, parla con doppi sensi e vende il suo corpo per qualsiasi cosa!
All’esclamazione “Mi è venuta questa voglia di palle” io sono morto dalle risate!
Non pensate male, le palle sono quelle con le sorpresine dentro.
Ora viaggia con la macchina fotografica attaccata ad una collana rosa di Little Twin Star, con pendagli a forma di tazza (lo giuro), di fetta di torta al cioccolato (lo giuro) e di baccello verde da cui esce un pisello che ti sorride!!
Al Kaiten Sushi (ovvero quello con il nastro trasportatore) mi ha domandato:  “Ti piace durello il pesce?”.
Si dice barzotto!!! 😛
Io non ho parole, avevo paura che tirasse fuori un seno e lo mettesse sopra il nastro per farlo girare in tutta la sala in cambio di sushi!!
Tutti mangiavano 5 o 6 piattini, io e lei da ingordi gaijin: 12 piatti a testa!
La cameriera ci guardava esterrefatta!
Ormai siamo prossimi all’embolo.
Alla cassa dovevo pagare 3000 yen, ma ho confuso la banconota da 10.000 con quella da 1000.
Io e la cassiera ci siamo guardati per dieci minuti. In silenzio.
Sì lo so, sono stanco!!
Per risollevarmi sono entrato in una sala giochi e ho vinto un Orsetto del Cuore all‘Ufo Catcher.
Quando vinci, un omino esce dal nulla, ti fa i complimenti e ti dà una busta per mettere via il regalo!
Lì si è manifestata La Fottuta Gaijin.
Cosa fa La Fottuta Gaijin?
Insulta le giapponesine a random, senza distinzione di età e ceto sociale

“Ma come fate a camminare? Avete un brutto rapporto coi vostri piedi, siete tutte storte, coi denti storti, vestite da pornostar”
“Ma sono felici così. Poi i giapponesi non giudicano!”
“Stai zitto plebeo!

E poi le foto…questo è quello che succede ogni 20 minuti.

“Piera non si può fotografare”
Click!
“Piera per favore non si può fotografare”
Click!
“Piera Cristo di Dio non si può fotografare!!!!!”
Click!

Siamo tornati a casa e ci siamo addormentati alle 4!
Sto aspettando che si manifesti La principessa di Odolo, magari mi racconterà di regni incantati e unicorni.
Voi quale scegliete?
Televotate!

Il Portinaio

Nekobukuro

Lascia un commento