L’INCIDENTE (Diplomatico)

Portinaio . We are Family 1047 Nessun Commento

 

Ogni volta che vado in auto con mia madre è così:

“Stai attento!”
“Ok”
“Frena”
“Ok”
“Metti la freccia”
“Ok”
“Vai piano”
“Oooooooo! Hai rotto il cazzo!
“Non ti rivolgere così a tua madre! Ancora mi tirano i punti del parto!”
“Cristo siamo in garage! Non sono ancora partito!”

Mia mamma ha una fottuta paura di fare un incidente, di provocarli, di finirci in mezzo e anche di vederli. Per questo guida con prudenza.
Quando giri con lei pare de sta “A spasso con Daisy”.

“Mamma puoi accellerare?”
“No! C’è il limite a 50”
“E allora perchè vai a 5 all’ora?”
“Mi piace l’andamento da funerale, per godermi il panorama”
“Gira a destra così eviti il semaforo”
“No! Mi piace il semafEro”
“Con la O”
“SOmafEro!
“Guida che è meglio!”

Fra i miei parenti annovero incidenti quasi mortali, ma senza nessuna vittima.
Mio cugino una volta si è ribaltato in auto su delle strade di montagna.
Erano lui, il suo vicino e una ragazza.
Vai a sapere che cambi stava usando la loro amica.
Mia cugina invece che guida come una che ha preso la patente nella savana, ha fatto incidenti da urlo.
Di solito è perchè esce dallo stop con il muso del suo carrarmato e prende dentro vecchine, extracomunitari, casalinghe con la Panda e animeli inermi.
Mia cugina ha ucciso il suo cane con la retro, ha distrutto l’auto del sue ex in autostrada, dicendo che andava piano (piano per lei è 180 km in prossimità di scuole e asili), si è cappottata su una statale con una ritmo cabrio e pare sia bravissima a sradicare i panettoni di cemento quando non trova parcheggio.
Un altro mio parente è andato con il suo furgone alto 4 metri sotto una galleria dove ci passano a malapena dei bambini della prima elementare.
Non vi dico quando ho visto le foto del veicolo, sembrava una versione cabrio del Ducato (da mettere in produzione)…sicuramente stava ascoltando lo zoo di 105 (suo programma preferito).
Mio padre non ha mai fatto un incidente, ma una volta è rimasto intrappolato in mezzo ad un passaggio a livello chiuso, facendo fermare il treno e rischiando l’arresto!
Io sono ancora “vergine” sotto quel punto di vista e temo anche io di finire in mezzo a disastri tipo “Final Destination”.

Così prima di accendere l’auto, ripenso ai consigli di mammà, bacio il santo dentro la calamita d’oro attaccato sul cruscotto, sgrano il crocifisso e metto a posto il coprisedile in montone.


Sono più bravo a provocare incidenti diplomatici, ma non lo faccio apposta. E’ perchè le cose non dette rimangono lì rischiando di diventare bombe inesplose.
Così la mia famiglia pur di non provocare incidenti fra di loro non s’ incontra, non parla e si dimentica.
Ieri mio zio al telefono mi ha detto delle cose che mi hanno fatto riflettere.

“Non mi hai chiamato per farmi gli auguri a capodanno”

Eppure l’avevo fatto, ma non ha risposto nessuno. Vaglielo a spiegare che non è vero. Crederà sempre alla sua versione.

“Tu vuoi sempre apparire bravo e buono, ma pensi solo ai fatti tuoi”

Che peccato! Nonostante ci metti tutta la buona volontà non riesco a capire dov’è il mio errore.
Ho passato tre anni a scrivere di loro, sperando che la “legge dell’attrazione” li richiamasse a me, ma forse bastava che telefonassi una volta in più…peccato che non avessi più credito!

Il Portinaio

Tags: Portineria We are Family

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento