(R)EVOLUTION IN HARAJUKU

Portinaio . Amico è, In viaggio con il Portinaio, L'altro Mondo, Psicosi Collettiva, Shopping Compulsivo 2325 1 Commento

Piove!
Quindi ci siamo alzati con calma e abbiamo fatto colazione.
Il mio manichino è in carica, quindi ho dovuto affrontare Patrick, il coinquilino americano, con tutti i suoi discorsi prolissi.
Oggi gli ho chiesto come stava la sua fidanzata e… ciao!!!!
Ha iniziato a dirmi che prende lo Shinkansen tutti i giorni perchè abita a due ore da Tokyo, che è stressata e che magari quando si ripiglia ci porta fuori a cena con lei.
La Piera non vede l’ora, piuttosto si fa tagliare un dito da uno yakuza!
Mi sono comprato un ombrello trasparente, pensando di essere avanti. Poi ho scoperto che ce l’hanno anche i barboni in mezzo alla strada. Però il mio ha il manico viola, mentre quello dei senza tetto è bianco. Anvedi come sono avanti!
Siamo andati ad Harajuku, il tempio delle lolite e dello streetwear.
La Piera, appena varcato l’arco dove iniziano i negozi, si è trasformata nella “Ragazza Interrotta”, ma non contenta si è evoluta.
Ora è spaventosa!
Chiamatela “Lady Disturbia”.
Se la moda in Giappone dura 6 mesi o anche meno, nella testa di Lady Disturbia dura 30 secondi!
Passa con disinvoltura dalle calze degli Orsetti del Cuore per delinquentelle minorenni, a quelle di pizzo viola per le nane del circo Orfei.
In un negozio vorrebbe essere Miss Merletto campagnola e nell’altro una geisha sodomita!

Harajuku style
Ma siccome piove, ha voglia di K-way e stivali di gomma.
Non c’è giorno che non torniamo con un sacchetto a forma di pupazzetto!
La nostra spesa consiste in: cereali, latte, cioccolatini, calze, portachiavi, biscotti, calze, portachiavi, acqua, calze, portachiavi!
Non contenta l’ho portata da Kiddy Land, il toys giapponese, dove non c’è traccia di un bambino, se non nel reparto oggetti smarriti!
Kiddy Land è un delirio di giochi alto 7 piani.
Al piano terra ci sono tutte le chiavi usb, i portachiavi, le calze e il nostro amico pisello!
Al secondo Hello Kitty e tutti i suoi amici corrotti.
Al terzo quello di Snoopy, che non se lo caga nessuno.
Al quarto il Lego e i peluches.
Al quinto gli infermieri che ti rianimano con l’elettroshock di Doraemon.
Al sesto mi sono perso.
Al settimo la Piera insultava le commesse perchè ci mettevano 2 ore per impacchettare 49 elastici per capelli, 57 matite e 89 portachiavi!

“Guarda Gabry continuano a dire arigatou gozaimasu…ma Cristo si dassero una mossa!”

Mamma che carattere!
Ora se mi dite cosa ricordo di questo negozio posso dirvi solo che ad un certo punto ho perso il mio K-way!
Come si fa a perdere un giubbotto?
Così:

“Gabry, gli Orsetti del Cuore”.
“Non c’è Mazinga!”
“Gabry, Hello Kitty narcolettica”.
“Non c’è Mazinga”
“Gabry, il Mio Mini Pony”.
“Non c’è Mazinga!”
“Gabry, dov’è il tuo K-way?”
“Me l’ha rubato Pikachu!”

Panico ai piani alti, il mio K-way nero con le ali di Batman era scomparso!
Allora siamo andati dal commesso e gentilmente gli abbiamo chiesto se avesse visto un “black coat”.
Ora, il mio K-way sembra tutto tranne che un cappotto, ma questo matto ha chiamato tutti i piani e dopo 5 minuti è arrivato un origami nero a forma di cigno! Era il mio K-way già asciutto, lavato, piegato e messo in busta con tanto di cartello “oggetto ritrovato al terzo piano sicuramente appartenente a uno straniero maldestro”
Sono uscito più contento, ma senza nemmeno un gadget.
Lady Disturbia invece accusava dolori al basso ventre!

“Gabry torniamo a Kiddy Land che devo pisciare?”
“Piera, quando sei in Italia non vai al Toys a cagare, andiamo in un bar!”
“Ma devo fare pipì!”
“Ti prego andiamo in un bar, non voglio entrare in quel negozio! Ho paura di perdere le mutande”

Harajuku style lolita

Siamo andati al Lavazza Caffè.
Mentre io gustavo la mia tazza di “moka cappuccino chocolate miruku mocha american bar all’amaretto”, dolce Piera faceva brillare altre tazze!
Quando va in bagno torna in sé, sarà il cibo giapponese che la trasforma in riluttanti personaggi femminili.
Abbiamo finito il nostro giro come sempre a Shibuya e abbiamo mangiato al baracchino sotto casa che fa delle polpette al gusto pokemon che sono la fine del mondo!
In televisione davano Spiderman 2. Doppiato in giapponese è uno spasso, i rumori di fondo si sentono in lontananza mentre le voci delle persone sono altissime e non sincronizzate con il labiale.
Patrick, il mio solito coinquilino americano,  mi ronzava intorno come una mosca sulla merda!
Lui parla e io annuisco. Poi aspetta che risponda, ma per sviarlo dico:  “the cat is on the table”.
Non posso più vivere così!
Mi fa anche effetto vedere la sua faccia, ha la classica abbronzatura da sciatore, sembra che abbia il fondotinta e ‘ste braccia bianche.
Alla fine è riuscito a tirarmi dentro nei suoi discorsi assurdi. Mezz’ora a parlare della birra Guiness!
La Piera sta cercando dei tappi per le orecchie, perché dice che russo e non la faccio dormire. Fra un po’ mi caccerà dalla camera.
Stanotte mi continuava a parlare, secondo me per tenermi sveglio!

“Gabry, e se compro le borse tipo kimono con su i gatti?”

Dopo un’ora…

“Gabry, sei sveglio?”
“Sì”
“Come mai?”
“Pensavo alla schiuma della birra Guiness!”
“E se comprassi un portachiavi per ogni mio parente? Giusto per fare un presentino?”
“Sì”

Dopo un’ora…

“Gabry, sei sveglio?”

L’ho minacciata di viziare la stanza con tutta l’aria alle polpette teriyaki che avevo in corpo!
La mia evoluzione inizia da dentro.

Il Portinaio

Harajuku style

Commenti (1)

  • MarcoTogni.it

    |

    Quant’è vero quello che hai detto sul terzo piano!! Lo tentano di pubblicizzare in tutti i modi ma lì c’è sempre pochissima gente. hahah.

    Rispondi

Lascia un commento