VAGINAL KNITTING (La filanda vaginale di Casey Jenkins)

ilvale . Gadget per adulti, Porno subito, Portineria, Psicosi Collettiva, Raccolta differenziata, Videocracy, Volantinaggio web, Vorrei essere l'Arte 722 Nessun Commento

Per il prossimo inverno ho trovato la soluzione ai vostri problemi di mal di gola e laringite: una bella sciarpa! 🙂
Ma non quelle in misto lana con il 30% di plutonio e uranio impoverito. Ci vuole un tessuto naturale, che non pizzichi e magari con un profumo che ricordi boschi incontaminati.
Basta fare il teleimbonitore, passiamo subito al sodo. Casey Jenkins, artista residente a Melbourne lavora instancabilmente a maglia tutto il giorno per creare colli, scialli e stole. Peccato che il gomitolo di lana se lo infili dritto dritto nella vagina.
Avete capito bene.
Non inorridite, è pur sempre un modo comodo per tenere la matassa al sicuro.
Mia nonna veniva spesso aggredita dai gatti o si addormentava davanti al camino rischiando di prendere fuoco. Invece proteggendo la lana all’interno del corpo non si rischiano incidenti domestici.
Ma Casey ha osato di più. Durante il suo periodo mestruale usa il viluppo di vello come tampax. Il risultato è una nuance molto audace che ricorda il grembiule di un macellaio.

Il suo sito (per ora in manutenzione è QUI) la sua pagina Facebook QUA e il suo Twitter QUO.
Per comprare i suoi prodotti invece vi consiglio di scriverle una mail. Mi raccomando siate gentili e non prendetela in giro che quando è in premestruo sbaglia sempre il punto croce! 😛

Il Portinaio

P.S. Niente spirito di emulazione, non voglio che vi becchiate setticemie sparse o arrossamenti inguinali.

Lascia un commento