HPEACE (Mia cugina non è Heather Parisi)

Portinaio . Blog degli altri, Consigli per gli acquisti, E' successo ora, Morto di fama, Musica Maestro, Nobodyknowsme, Portineria, Psicosi Collettiva, Shopping Compulsivo, Videocracy, Volantinaggio web 234 Nessun Commento

Sapete che in Portineria si segue poco la televisione, ma solo perché l’unica che ho è un catorcio ereditato dalla mia famiglia: una piccola tv che usavano in cucina e che adesso sta diventando una specie di forno a microonde. Infatti se l’accendo magicamente le uova nel frigo diventano sode.
L’anno scorso in questo periodo era tornata in italia Heather Parisi.
Io non la conosco, però mi ricorda tanto mio cugina, che negli anni 80 faceva la ballerina. Nella mia piccola città la chiamavano la Parisi di Piazza XX.
Non ho mai indagato il motivo.
Heather era brava ad alzare la gamba fino all’orecchio, mia cugina, dicevano, con le gambe sapeva fare altro. Forse la spaccata! 😛
E visto che con la mia parente ho un rapporto un po’ instabile, preferisco seguire Heather sui social.
Su Twitter posta un sacco di quadri, cosa che le rende onore, poi ogni tanto impazzisce e inizia a scrivere sull’Italia, sul rapporto conflittuale che ha con il nostro paese e su quelli che ci abitano.
Non è stata molto contenta della trasmissione che l’ha vista protagonista con la democristiana Cuccarini. Ha puntato i piedi Heather. Con delle costosissime ciabattine Gucci. Ma ormai è acqua passata, cara grazia se la richiameranno per estrarre i numeri al lotto. Ma la Parisi guarda avanti, mica sta lì a grattarsi i talloni secchi.

heather parisi scarpe gucci pelose
Non so perché sia finita in Cina, se scrivete su google ci sono un sacco di storie sulla sua fuga, ma su quello ci penserà la giustizia, il tempo o la verità.
Io intanto mi dispero, perché è come e se avessi perso un parente. Sì, perché Heather la considero tale. E’ un po’ puntigliosa e polemica come mia cugina e quando si fissa non molla il colpo.
In questi mesi c’è stata una querelle tra lei e uno dei più potenti agenti italiani, reo di non voler trasmettere (come da contratto) il film di Heather sui canali Rai. Un film che ha girato un sacco di anni fa e che ormai sa di vecchio. E sono volati insulti via twitter, roba che manco i miei zii a Natale.

heather parisi twitter
Cara Heather, una cosa ti chiedo: ma con tutti i mezzi moderni che ci sono adesso, non potevi caricare il tuo filmetto su Vimeo e renderlo accessibile a tutti? Perché vuoi farlo passare sulla Rai? E’ un canale antico.
Cosa ti hanno promesso? 500 Euro? Ma te li diamo noi i soldi!!!
Che te frega di denunciare società e cazzi e mazzi. Sei fuggita dall’Italia, perchè tenti di rientrarci in punta di piedi?
Sii moderna, non assomigliare più a noi, che siamo un popolo corrotto, pressapochista e che pensa solo al calcio e alla figa.
Fai qualcosa che ti esca bene…che ne so, canta!!!
L’ha fatto. (per Dio stavo scherzando!)
Prodotto dalla Redsofarecords che ha aperto solo per pubblicare questo disco, il video low budget di Heather è una lunga passeggiata fuori sync su una spiaggia.
 Per quanto tenti la strada della modernità, la mia “parente” rimane ancorata al passato. Peccato.

Forse potrei proporle di fare la stilista. Ma perché non ci ho pensato prima? Vive in Cina, potrà avere manovalanza minorile a basso prezzo e materie prime in stock.
Che dici Heather?
L’ha fatto!!!!!

hpeace

La linea si chiama HPeace (QUI il sito), grafica modesta, magazzino inesistente, pochissime taglie e prezzi assurdi.
Perché dovrei pagare una camicia sporca di Uniposca 330 Euro? C’è la crisi Heather!
Potevi chiamarmi, avremmo trovato una soluzione insieme, piuttosto che vendere delle magliette made chissàchecosa a un costo poco accessibile.
Se invece di stare appresso alla Rai mi avessi assunto come tuo consulente d’immagine, altro che video sul bagnasciuga e pantaloni pasticciati…avremmo conquistato il mondo. So’ Portinaio, ma anche stylist 😛
Cara Heather spero che a Honk Kong il tempo non sia così umido come dicono, perché fa male alle ossa, cerca di preservarti e se ti viene in mente di tornare in Italia, perfavore non farlo sapere a nessuno, però ricordati di passare in Portineria, ho un sacco di posta da consegnarti e il 45 giri di Cicale da farmi autografare.
Con affetto e simpatia.

Il Portinaio

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento