SECONDO TEMPO #Vogliodormireconte

Portinaio . Il cinema costa troppo, Lavoro sporco, Portineria 1113 Nessun Commento

silvia secondo tempo

“Sono tornato mio attore da strapazzo!!!”

Pensavo di essermi liberato del regista più invadente del mondo e invece.
Non poteva girare un documentario sull’accoppiamento delle foche leopardo (Hydrurga leptonyx) in Antartide, che se ci andava bene moriva di freddo o veniva sbranato da un orso polare.
Purtroppo dobbiamo tenercelo ancora per un po’ e assecondare tutti i suoi desideri.

“Caro regista stai girando una trilogia o sei ossessionato dalla vita degli altri?
“Vorrei portarti oltre la mente umana!”
“Allora ti presento mia madre”
“Sarebbe bellissimo se si facesse riprendere anche lei”
“Ok sei diventato ufficialmente uno stalker! Ti denuncio! E’ prevista la carcerazione da 6 mesi a 4 anni”
“Hai per caso anche uno zio fedifrago?”
“Ti rispondo solo se posso mettere l’aggravante di molestie sessuali, così ti sbattono in isolamento con Olindo e Rosa”

L’amore è fortissimo. Il corpo no.
Dice così qualcuno che conosco.
Sara l’ho incontrata al parchetto vicino casa mia.
Me l’ha detto mia mamma che era lei. Non l’avevo riconosciuta.

“Vuoi salutarla?”

Ogni mese perdeva cinque chili.
Il mio anello potrebbe usarlo come cavigliera.
Siamo rimasti a parlare. Non ti avevo più vista.
Lei è sarcastica “E chi mi vede?”.
Se si mette di profilo riesce a passare attraverso le porte. Un suo dito può entrare in una serratura.
Potrebbe aprire qualsiasi cosa.
Il corpo no. Non è fortissimo.
Può un uomo assomigliarle? Non credo.
Per lei siamo animali, delle bestie che l’hanno divorata.
Mi dice che adesso è contenta, che il tiramisù non è più un appello, ma è tornato a essere un dolce. Però gli manca ancora quel sinonimo di languore. Ogni tanto lo pensa.

“Sai quando lo vedevo per strada potevo benissimo stare a guardarlo per ore, tanto lui non si accorgeva”

Quando sorride i suoi zigomi rischiano di tagliarle la pelle. Ma gli occhi hanno fame, lo vedo.
Fame di parole.
Mia madre ci lascia soli e va a fare la spesa.
Mi chede “Come va?”.
Cosa ti posso dire? Mangio quello che capita e la notte mi sveglio sul divano. Eppure ero andato a letto due ore prima.
Anche io ho perso cinque chili. Mi dicono che sono in forma. Però perferivo tenermeli, perchè almeno avrei ammortizzato di più la caduta.
Sai non dormo molto la notte. E lo so perchè.
Devo inventarmi una storia per il giorno dopo.
Mi scruta e mi diceIn effetti stai bene”.
I nostri cani sono morti da anni e non abbiamo più avuto modo d’incontrarci durante l’ora della passeggiata.
Potrei raccontarti per ore della mia vita. Della mia attesa, della mia ingordigia.
Di quando mi ha portato in tutti i ristoranti della sua via, perchè avevamo fame di conoscerci.
Le ho solo risposto “Sto bene”.
Sono dimagrito perchè lei si era messa in testa di fare la dieta. E allora per non lasciarla sola ho mangiato bistecca e insalata tutti i giorni.
Poi non so cosa sia successo. Forse colpa delle proteine. Ha iniziato ad apparecchiare solo per sè.
Io facevo finta di niente e stavo in piedi.
Però mi sbucciava una mela. E il caffè era sempre pronto.
Sara bisogna farsi trovare in forma non cambiare la forma.
Non l’ha dimenticato, le sue vene disegnano il suo nome sulle braccia. I suoi capelli sono ancora di quel biondo che ricordo.
Abbiamo due punti di vista diversi. Sull’amore, sull’educazione cinofila e persino sui colori.
A lei piace il viola, non ha mai messo la museruola al suo pastore tedesco e ci crede.
E’ ingrassata due chili. Ora pesa come una mia gamba.
Dice che le piace il suo fisioterapista e che domani andranno a fare un giro al lago.

“E tu? Dove la porterai?”

Non lo so Sara. Vorrei solo camminare per sempre. Raccontarle storie buffe, comprare qualche vestito di due taglie di meno e imparare a memoria un libro di ricette.
E’ che abbiamo fame. Fame di loro.

Il Portinaio

voglio dormire con te

“Dovresti firmarmi le liberatorie per il film!”
“Non ci penso neanche finchè non vedo il girato”
“Non posso…ci sono delle scene piccanti”
“0_o”
“Ti ho ripreso mentre facevi la doccia!”
“Cazzo potevi dirmelo! Avrei almeno pulito il bagno!”

“La particolarità dell’amore è che diventiamo vivi in corpi che non sono il nostro”
(
Colum McCann, Questo bacio vada al mondo intero)

 

 

Lascia un commento