IN MOTO PERPETUO AL MONTE FUJI

Portinaio . Amico è, In viaggio con il Portinaio, L'altro Mondo 1216 Nessun Commento

2868Stamattina ci siamo alzati alle 7!
Sarà un mese che non mi sveglio a quest’ora.
Abbiamo deciso di fare la gita ai laghi sotto il monte Fuji, esattamente ad Hakone.
Ci siamo incontrati con Alice alla stazione di Yoyogi e poi con Michele a quella di Shinjuku. Partenza ore 9.
Sul treno il tempo passa in fretta perché hai tanto da guardare, sia fuori che dentro i vagoni!
La Piera, mentre stava guardando le parti basse di quello seduto di fianco a lei, ha esclamato:
P: “Ma è enorme!”
Dalla prospettiva in cui ero messo io, sembrava si riferisse al pube (il che è un miracolo per i giapponesi), invece era solo una super vespa o qualche insetto strano che si era appoggiato vicino alla patta del signore. Mordilo, così gli si gonfia!
Dopo un’ora e cinquanta siamo arrivati alla stazione di Odawara e lì abbiamo cambiato un altro treno per Hakone.
E siamo a quota 3 in poco più di due ore.
Arrivati, abbiamo iniziato a girovagare tra i binari come i gatti in calore, non capendo più niente. Ognuno diceva la sua.
A: “Andiamo all’Ufficio Informazioni?”
M: “Andiamo a bere un caffè?”
G: “Andiamo al museo dei giocattoli?”
P: “Andiamo a fare shopping?”
Tutti questi posti erano concentrati vicino alla stazione, quindi senza mai spostarci di neanche 500 metri siamo riusciti a fare tutto!
Peccato che dopo un’ora eravamo ancora…alla stazione!
M: “Il pullman costa 1000 yen ma ci mette 40 minuti, se prendiamo il taxi costa 4000 da dividere e ci mette 20 minuti.”
Che Budda lo prenda per i piedi a Michele!
Non era un taxista, ma un fan di Ayrton Senna!
Un signore anziano che correva come un matto, schivando la gente e i camion.
G: “Dite a questo coglione che non è Super Mario Kart!”
Dopo circa mezz’oretta siamo arrivati.
Vedere il monte Fuji è come vedere Dio!
È perfetto nella sua conicità, sempre bianco, maestoso e sembra proteggere tutto il popolo giapponese.
Io l’ho sempre visto nei cartoni animati e trovarmi al suo cospetto era quasi come vedere dal vivo Pollon!
I cinque laghi poi danno quel fascino in più a tutto il paesaggio.2940
Per emulare una delle scene più famose di Mimì Ajuara (la puntata numero 53, “La morte di Su tomo”, ndr), la Piera si è travestita da Mimì e si è messa a correre sul monte per allenarsi per la finale con le catene di Chanel, io l’ho seguita con un Ape Cross piena di frutta travestito da “fidanzato di Mimì” e poi mi sono buttato giù per la scarpata. Così a Mimì sono venuti i sensi di colpa e anche i seni di colpo!
A: “Andiamo a vedere a che ora parte il traghetto, pare che dall’altra parte del lago ci sia una città ancora ferma al periodo Edo.”
G: “Sì… Ma…”
P: “Prendiamo il vascello dei pirati?”
A: “Sì, andiamo a chiedere all’Ufficio Informazioni.”
Quindi giusto il tempo di prendere una polpettina di riso (onigiri) e di vedere tutti i moli e tutti i prezzi dei biglietti dei vascelli, e ci siamo imbarcati.
Sulla nave era pieno di taiwanesi e cinesi che si fotografavano con la statua del pirata “Willy l’Orbo”, una puzza di cipolla e aglio e a me mi veniva voglia solo di cantare “My heart will go on” della “Ciellina Dion”.
Dopo un’altra mezz’oretta col vento in “poppa della Piera”, siamo arrivati in questo paesello.2941
G: “Scusa dov’è la città Edo? Qui c’è solo una funicolare.”
A: “Non so, sulla guida era menzionata. Vado a chiedere all’Ufficio Informazioni?”
G: “E basta con ‘sto ufficio informazioni!!! Adesso ti appendiamo alla funivia per i capezzoli!!”
M: “Ragazzi c’è un problema, per un guasto tecnico la funivia è chiusa.”
P: “Ma se in Giappone funziona tutto!?”
A: “Vado a chiedere all’Ufficio Informazioni?”
G: “No, vai a chiedere al capoufficio informazioni se ha dell’arsenico e fattelo in vena che fa effetto subito.”
Quindi, dopo un breve giro allo shop della stazione della funivia con Hallo Kitty vestita da vascello e da Monte Fuji, siamo andati a Gora, il paese dove parte il treno che passa in mezzo alla foresta!
Altro giro, altra corsa.
Il tassista questa volta ci ha fatto pagare un po’ di più, perché furbamente continuava a dire: “mi fermo qui” e non si fermava, “mi fermo qui” e non si fermava. Poi ho tirato il freno a mano e gli ho chiesto se era di Napoli!
Gora sembra un po’ Ponte di Legno, però ha le terme sparsi qua e là.
M: “Non so a che ora parte il treno, però…”
A: “Vado all’Ufficio Informazioni?”
G: “Vuoi una testata?”
P: “C’è Hallo Kitty travestita da… Non capisco.”
M: “Dev’essere vestita da treno e questa qui da coniglio!”
A: “Potremmo chiedere all’Ufficio Informazioni.”
G: “Appena arriviamo nella foresta, ti lascio con la strega di Blair!”
Neanche il tempo di una sigaretta ed eravamo sul “mountain train”, che ha attraversato tutta la foresta, la steppa e anche il boschetto dietro casa di mio nonno.
Così abbiamo finito il giro dell’oca di Hakone!
Solo che le oche eravamo noi, coi piedi gonfi, le stimmate sulle mani e il sedere a forma di vagone.
M: “Adesso ci sarebbe da prendere il treno per Odawara, poi cambiare e prendere quello per Shinjuku ma se vogliamo possiamo scendere a Yoyogi e poi prenderne un altro.”
P: “Che bella la mia Hallo Kitty di legno fatta con gli alberi della foresta dei monti di Hakone!”
G: “Che bella la gita alle stazioni intorno al monte Fuji!”
A: “Che bello, ho imparato tutti i nomi dei capistazione e dell’Ufficio Informazioni!”
P: “Oggi mentre cercavo di assaggiare in un bar i pasticcini gratis mi hanno cacciata.”
Qui hanno perso tutti la Trebisonda, meno male che ci ha protetti il Fuji-San!
Sette treni e due taxy e due ciondoli di Hallo Kitty (l’ho regalato alla mia coinquilina, il mio). Ma almeno ho capito perché Mimì era sempre stanca quando doveva andare ad allenarsi.
Mata ne.

Il Portinaio

Lascia un commento